singcat.net

2004 sgrang – monta kvikne 歌詞

お待ちください...

ciao! sono la trape! (tosse) scusate, la pazza che vive nel cassonetto sotto casa vostra. allora: questa è la prima audioguida per non vedenti per montare kvikne guardaroba. nota: allora volevo mettere un sottofondino musicale perché ho detto: così questo viaggio insieme diventa un po’ più piacevole, ma non so fare la musica. quindi ho l’app tipo “rumori per conciliare il sonno” non so perché, perché dormo benissimo ma okay, e quindi vi metto dei sottofondini così però non conciliatevi il sonno perché dobbiamo montare kvikne. allora iniziamo subito, ho scelto per voi “gatto che russa, sedia che cigola”
condizioni generali dell’utilizzo e avvertenze:
c’è un omino che dice: con un cacciavite trasforma una croce in un cd
diciamo no all’omino che guarda perplesso e confuso delle travi tutte messe su_una sull’altra disordinate. diciamo invece sì all’omino che guarda ammiccante un altro omino che ha una matita dove non dovrebbe stare una matita
no all’omino che sfrega i genitali — ehhm — confuso su una ‘u’ tutta screpolata. sì a un omino che accarezza dolcemente una ‘u’, dall’alto verso il basso
l’omino guarda perplesso un foglio bianco, chiedendosi: “perché anzichè montare kvikne sto guardando un foglio bianco?”
attenzione: sopra kvikne potrebbero esserci dei serpenti
attenzione: non tentare di lottare con kvikne, lui è molto più grosso e più forte di voi: perché è un armadio
cose che dovrebbero esserci dentro al vostro packaging di kvikne — eeh, toccate con le mani perché siete non vedenti:
allora, dovrebbero esserci: quattro, b_bastoncioni con una spirale, grossi; otto bastoncini con una spirale picciolini; ventitue kebab; otto tavolini appoggia_latte; quattro bastoncini con la spirale che dovrebbero essere… come quelli di prima secondo me; otto parcheggi per automobili; due rotelline per i criceti; un paralume; un tavolino bucato; una ‘z’; un fischietto; due rampe di lancio per aeroplani bucate; quattro seggiolini per bambini; una lama di quelle che sp_cca tutti i metalli, quelle professionali; quattro lamette da barba e due spranghe
passiamo ora al procedimento — salterò dei passaggi perché non li ho capiti ma tanto non sono importanti:
allora: ci sono dei kebab, li mettete in un buco e unite un pezzo di legno a un pezzo di vetro, poi con la ‘z’ e una spirale li… s_ciulate dentro con un_un pezzo di vetro tondo che non so da dove venga, poi, allora: trovate un amico, trovate un tesoro, insieme a lui con i kebab montate tutta la struttura di base — ehm — i_sp_ccandoli tutti dentro i vari pezzetti. poi l’amico se ne va, va a comprare le sigarette, allora voi prendete i parcheggi delle automobili e li mettete su tutti gli angolini, okay? poi, con una penna stilografica, girate tutto ad est. allora: torna l’amico, insieme all’amico prendete un martello e… sp_ccate il fischietto in mille pezzi, va da tutte le parti di_della camera, un disastro! ecco, una volta che avete fatto questa roba qua prendete i tavolini appoggia_latte, li mettete sui lati, sopra quelli di kvikne, no? capi_stateeh, ci siamo quasi, non angosciamoci, scusate. t_ci_ li mettete lì e poi, eeeh ci… sp_ccate sopra — cioè con forza, non sp_ccate — mettete le spranghe, eh? quelle due che c’erano. adesso, come ultima operazione, basta mettere le lamette da barba sulla porta, così lei può fare apri chiudi come dovrebbero fare tutte le porte
a questo punto kvikne è montato, io vi ringrazio per l’ascolto. io sono la trape, per qualunque complimento potete scrivere al mio instagram: la_trape, che appunto sono io, o se no per dubbi e necessità andate sul sito: www.mobiliconnomiinteressanti.com
grazie e benvenuti alla prossima puntata

- 2004 sgrang

ランダム